Giulianova - hotel, agriturismo, informazioni turistiche per le tue vacanze in Abruzzo sulla costa adriatica
Le Aziende segnalate da Giulianova.it

Promuovi la tua azienda con Giulianova.it

Giulianova.it e Genesi
 

Servizio di prenotazione hotel



Parrozzo

ParrozzoIl parrozzo abruzzese ha la forma di una piccola cupola, ottenuta utilizzando uno stampo a zuccotto. Sebbene si prepari sopratutto con le mandorle dolci, la vera ricetta del parrozzo abruzzese indica l'utilizzo di non più di 20 g. di mandorle amare, da mischiare alle dolci.

Ingredienti
(Le dosi indicate si riferiscono a 6/8 persone)

  • 150 gr. di cioccolato fondente
  • 50 gr. di farina tipo 00
  • 50 gr. di fecola
  • 40 gr. di burro
  • 5 uova
  • 80 gr. di mandorle dolci
  • una decina di mandorle amare

Preparazione

Fate bollire le mandorle per eliminare velocemente la pellicina. Asciugatele e pestatele con un mortaio assieme a due cucchiai di zucchero. Nel frattempo sciogliete il burro in una terrina, aggiungete lo zucchero e i tuorli d'uovo. Mescolate e aggiungete le mandorle tritate. Poi anche la farina e la fecola. Nel frattempo montate a neve gli albumi e uniteli all'impasto, mescolate bene per evitare i grumi. L'impasto è pronto per essere versato nello stampo imburrato ed essere cotto al forno, ad una temperatura molto alta, di circa 220°. Nel frattempo preparate la crema al cioccolato, facendo fondere il cioccolato fondente a bagnomaria. Dopo circa 45 minuti, tolto il parrozzo dal forno, staccatelo dallo stampo e ricopritelo con la crema al cioccolato. Fate freddare e servite.

Curiosità letterarie

Il parrozzo fu così chiamato da Gabriele D'Annunzio, che battezzò il singolare dolce del pasticcere Luigi D'Amico, come abbreviativo di pane rozzo, nel senso di schietto e genuino. D'Annunzio ne cantò le lodi, in un poemetto: “E’ tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè, c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove, la terre grasse e lustre che se coce... e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce...”